Carlos Núñez live @ Carpino Folk Festival [08-08-2011]

Carlos Nunez live @ Carpino Folk Festival

La band al completo al XVI Carpino Folk Festival. Photo by Yayo ©

Come tutte le estati, sono a casa mia, nel Gargano, terra dai mille sapori non solo gastronomici ma anche paesaggistico-culturali. Come tutte le estati, ormai da 16 anni, c’è il Carpino Folk Festival che negli ultimi anni (secondo me) sta migliorando molto cercando di allargare gli orizzonti invitando sempre più ospiti internazionali.

Lo scorso anno ci furono Al Di Meola e Youssou N’Dour, quest’anno è toccato a Carlos Núñez, musicista spagnolo della Galizia, maestro di Gaita galiziana, la cornamusa spagnola e flauto. È vero, forse è un pò fuori dal genere black del quale vi parlo di solito ma amo la buona musica e lo spettacolo di ieri sera mi è piaciuto a tal punto da volervelo raccontare.

Fin da giovanissimo appassionato da questo genere di musica e della gaita, a 12 anni, Carlos Núñez era già solista nella Lorient Symphony Orchestra. Oggi è considerato uno dei maggiori esponenti del genere e sicuramente uno dei più suonatori di questo strumento, tanto che la stampa spagnola lo ha soprannominato il “Jimi Hendrix della cornamusa”.  Ha ottenuto, inoltre, il più alto riconoscimento del Conservatorio Reale di Madrid, rimanendo sempre fedele alla tradizione dell’antica musica galiziana.

Nel 1996 esce il suo primo album, “Brotherhood of Stars” nel quale ci sono collaborazioni con artisti quali The Chieftains con i quali Nuñez ha collaborato per diversi anni e poi Ry Cooder, Luz Casal e Dulce Pontes. Tra i suoi lavori successivi da ricordare sicuramente “Os Amores Libres” del 1999 apprezzato molto dalla critica di tutto il mondo. Anche qui nomi importanti a collaborare tra cui Noa, Jackson Browne, Mike Scott dei Waterboys e molti altri.

Dal 2005, Núñez si è dedicato molto alla rielaborazione, in chiave celtica di importanti colonne sonore tra cui il Tema del Padrino. Ha collaborato con Alejandro Amenabar per la colonna sonora di “Mare Dentro”, premiato al Festival del Cinema di Venezia e nel 2006 collabora nella OST di “Gedo Senki” (“I Racconti di Terramare”) del geniale regista giapponese Gorō Miyazaki e nel 2007 collabora ancora in altre soundtrack con gente del calibro di Ryuichi Sakamoto e Hans Zimmer!

Carlos Nunez live @ Carpino Folk Festival

Un momento intenso della serata. Photo by Yayo ©

Il suo ultimo lavoro finora risale al 2009 ed è considerato uno dei suoi migliori lavori. “Alborada do Brasil” è un viaggio alla scoperta delle radici della musica brasileira, sulle orme dei suoi predecessori che lasciarono la Galizia molti anni prima, per riscoprirle e restituirgli nuova vita nella musica folk Galiziana.

Album che ha visto per la registrazione l’avvicendarsi di oltre 100 musicisti tra cui Adriana Calcanhotto, Lenine, Carlinhos Brown, Dominguinhos, Yamandu, Escola de Samba Beija Flor, DJ CIA, Fernanda Takai… e ancora una volta The Chieftains. Album assolutamente da avere per gli appassionati!

La serata a Carpino è stata a dir poco entusiasmante, tanta gente (compreso me) non si aspettava uno spettacolo simile. Carlos Núñez e la sua band hanno iniziato proponendo brani da “Alborada do Brasil” appunto, passando poi al bellissimo brano della colonna sonora de “I Racconti di Terramare”, a grandi classici come Camino de Santiago. Momenti di emozione e di grande musica con l’intera band che trasmetteva un’energia particolare, che improvvisamente ha visto l’intera Piazza del Popolo lasciarsi trascinare e ballare sulle melodie di Núñez e i suoi. Band composta da Carlos Nuñez appunto, suo fratello Xurxo, spettacolare alle percussioni, Pancho Alvarez alla chitarra,  la bella e virtuosa Niam Ni Charra al violino e il giovanissimo Iain Alexander Marr alla cornamusa (thanx to The SIDH).

Lo stile di Carlos Núñez è vario ma allo stesso tempo unico. Talento indiscusso, Núñez è un viaggiatore che ha raccolto tradizioni, storie, aneddoti popolari in tutto il mondo e le ha tradotte in musica, ovviamente secondo il suo stile. Le contaminazioni sono molteplici: si va dalla musica latina a quella medievale al flamenco. Insomma un mix di suoni e culture fuse insieme in modo impeccabile da questo grande musicista di livello mondiale;  sicuramente il migliore tra i presenti a questa XVI edizione del Carpino Folk Festival.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...