Eliane Elias – Light My Fire [2011]

Eliane Elias è una pianista, cantante, autrice e direttore d’orchestra, di origini brasiliane. Inizialmente, nei primi anni ’80, faceva parte di un gruppo, gli Steps Ahead, ma successivamente, da solista, è emersa come una delle principali protagoniste della musica brasiliana nel mondo.

Eliane Elias

La bella Eliane in studio…

In realtà, il suo approccio alla musica è piuttosto variegato e multiforme, nel senso che l’artista passa con disinvoltura e grande maestria da brani del repertorio brasiliano più tradizionale (che vede Antronio Carlos Jobim tra i principali – e necessari – riferimenti) a pezzi che invece appartengono al songbook jazz più canonico, tutti reinterpretati solitamente con formazioni minimali, prevalentemente in trio; non è un caso, infatti, che Eliane Elias abbia dedicato un intero disco a quell’eccelso pianista che è considerato il vero simbolo, forse l’incarnazione, la personificazione, del trio jazz, ovvero sua maestà Bill Evans.

Attraverso gli ultimi 25 anni, Eliane Elias ci ha regalato numerosi capolavori, tra cui occorre ricordare, tanto per citarne una parte, “Eliane Elias Plays Jobim” (1990), “A Long Story” (1991), “Paulistana” (1993), “Everything I Love” (2000), “Dreamer” (2004), “Bossa Nova Stories” (2009), “Eliane Elias Plays Live” (2010) e il tributo a Bill Evans, precedentemente ricordato, “Something for You: Eliane Elias Sings & Plays Bill Evans” (2007).

Alcuni di questi album sono interamente strumentali, mentre negli album pubblicati dalla fine degli anni ’90, Eliane aggiunge la voce alle canzoni; c’è da dire, ma ovviamente è solo un punto di vista puramente personale, che la grandezza di Eliane Elias risiede soprattutto nella sua abilità nel suonare il suo strumento, il pianoforte, con il quale raggiunge livelli di abilità e di grandezza a dir poco eccelsi (e sicuramente vederla dal vivo, da pochi metri di distanza, è stata un’inconfutabile prova di questa sua capacità).

Eliane Elias - Light My Fire

“Light My Fire”, del 2011 è sicuramente uno degli album più belli di Eliane Elias.

Arrivati al 2011, Eliane Elias dà alla luce il suo ultimo album di studio, il bellissimo “Light My Fire”; la title track è proprio la canzone dei Doors, del 1967, qui sapientemente stravolta e riadattata al gusto delicato di Eliane e quindi lontana anni luce dalla versione originale, ma non per questo meno interessante.

Gilberto Gil mette la propria voce nella sua Aquele Abraço, che è uno dei pezzi più belli del disco, e qui il calore brasiliano invade l’ascoltatore e lo invita a premere il tasto repeat nel lettore, forse anche più di una volta.

Mon Amour, reinterpretazione di My Cherie Amour del grande Stevie Wonder, per dimostrare ancora una volta la versatilità di questa artista, che riesce a trovarsi a suo agio con qualunque stile musicale, pur mantenendo fede alla sua anima jazz, che quindi rappresenta il filo conduttore di tutte queste canzoni.

Ancora Gilberto Gil protagonista in Toda Menina Baiana, in cui compare, alla voce, anche la figlia di Eliane, Amanda Brecker; Rosa Morena e Stay Cool non potrebbero dare un inizio migliore a questo disco che, nella parte finale, comprende alcune composizioni della stessa Eliane Elias, ovvero Made in Moonlight ma soprattutto quella canzone che, sinceramente, rappresenza il punto di forza di tutto l’insieme, ovvero What About the Heart (Bate Bate); non ci sono parole per descrivere al meglio la bellezza di questa canzone, della quale mi sono perdutamente innamorato al primo ascolto.

Se volete regalarvi qualche ora, immaginando di trovarvi su una bella spiaggia brasiliana, magari al tramonto ed in buona compagnia, il consiglio è quello di ascoltarvi un disco di Eliane Elias.

Di seguito alcune canzoni tratte da “Light My Fire”:

Annunci

7 thoughts on “Eliane Elias – Light My Fire [2011]

  1. Pingback: Stan Getz & João Gilberto – Getz/Gilberto [1964] | Soulful Corner

  2. Pingback: Soulful TOP 15 [06.2012] | Soulful Corner

  3. Pingback: Eliane Elias live @ Blue Note, Milano [14-02-2011] | Soulful Corner

  4. Pingback: Ivan Lins – Cantando Historias [2004] | Soulful Corner

  5. Pingback: Kenny Dorham – Una Mas [1963] | Soulful Corner

  6. Pingback: Soulful SummerVibes 2015 | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...