Soulful Corner Awards – The Best of 2012

Soulful Corner Awards 2012Con il 2012 ormai alle spalle, è giunto il momento anche per noi di Soulful Corner di tirar le somme dell’anno appena trascorso. Per questo motivo abbiamo pensato di realizzare un articolo sul meglio del 2012, assegnando i nostri virtuali “Soulful Corner Awards”!

La scelta è stata decisamente ardua anche perchè, come potete ben immaginare, non è mai facile paragonare artisti e dischi tra loro molto diversi, decretando quale sia il migliore in assoluto. Tuttavia ci abbiamo provato e ci siamo divertiti nel realizzare un riepilogo del 2012 scegliendo i lavori e gli artisti più rappresentativi dell’anno.

In qualche caso troverete in elenco album ufficialmente usciti nel 2011, ma che abbiamo deciso di prendere comunque in considerazione, in quanto hanno avuto una discreta diffusione lungo il 2012. Ovviamente nel realizzare quest’articolo e nel decretare gli awards, abbiamo tenuto in considerazione esclusivamente album e brani che ciascuno di noi ha avuto modo di ascoltare durante l’anno.

Di seguito troverete ben 21 categorie (11 generiche e 10 divise per genere musicale), in gran maggioranza incentrate sulla musica ma con l’aggiunta di una categoria dedicata al cinema. Per ogni categoria sono indicate 3 scelte, ognuna per ciascun membro del nostro staff. Buona lettura e ovviamente buon ascolto!

Best Album of the Year

  • Donald Fagen – Sunken Condos (selected by Alessandro)

Donald Fagen - Sunken CondosDonald Fagen, cantante e tastierista dei grandi Steely Dan, anche da solista si è ritagliato uno spazio più che dignitoso, nel panorama musicale degli ultimi 20 anni; ogni sua uscita rappresenta un vero e proprio evento, soprattutto per la qualità della musica che ci viene offerta. Nel 2012 Donald Fagen è tornato con questo capolavoro, “Sunken Condos”, che rappresenta un vero e proprio concentrato di opere d’arte. Dal jazz si passa con grande disinvoltura al pop di classe, al rock, al funk, in un misto di grandissima seduzione; “Sunken Condos” contiene diversi capolavori, a partire dal brano di apertura Slinky Thing; Weather in My Head e I’m Not the Same Without You sono altri due eccellenti brani, che odorano molto di Steely Dan, e non potremmo chiedere di meglio, da questo album; Miss Marlene, nella seconda parte del disco, è ancora un bellissimo brano. Se volete scoprire la magia di questo artista, il consiglio è quello di partire da “Sunken Condos“.

  • Robert Glasper Experiment – Black Radio (selected by Raheem)

Robert Glasper Experiment - Black RadioUna delle più liete sorprese del 2012 è stato senza alcun dubbio il 34enne musicista e produttore Robert Glasper, che ha dato alla luce quello che è secondo me il miglior album dell’anno in ambito black. “Black Radio”, quinto album dell’artista texano, uscito a nome “Robert Glasper Experiment”, è un incredibile concentrato di soul, r&b, jazz e hip hop, out per la prestigiosa etichetta Blue Note Records. Un album devastante che gli ha permesso di sdoganarsi anche all’esterno del panorama jazz a cui apparteneva originariamente. In “Black Radio” troviamo una serie di ospiti di assoluta qualità, dalla splendida Erykah Badu alla sempre ottima Ledisi, passando per Mos Def, Bilal, Lupe Fiasco, Lalah Hathaway, Musiq Soulchild, Chrisette Michele e Stokley Williams dei Mint Condition. In poche parole quanto di meglio possa offrire la scena black statunitense, per un disco destinato a diventare un classico del genere!

  • Esperanza Spalding – Radio Music Society (selected by Yayo)

Esperanza Spalding - Radio Music SocietyEsperanza Spalding, giunta al suo quarto album, ci dimostra di poter soddisfare i gusti musicali anche di chi è “meno ferrato” in materia di jazz. Con “Radio Music Society”, infatti, Esperanza ci dà un’immagine più “radiofonica” del jazz con brani che si prestano molto all’ascolto. A partire dal primo singolo, Black Gold caratterizzato da sonorità leggere e coinvolgenti allo stesso momento; la presenza di Algebra Blessett e Lionel Loueke impreziosisce il tutto. Altro singolo è una rivisitazione in chiave jazz di I Can’t Help It, brano scritto da Stevie Wonder per Michael Jackson nel suo Off the Wall“. Ad accompagnare la bella Esperanza in questo brano, troviamo il grande sassofonista Joe Lovano. Ho scelto questo disco per il suo significato, avvicinare il pubblico della “musica da radio” alla magia del jazz, ed è un po’ la stessa “missione” che abbiamo noi di Soulful Corner, “diffondere il verbo”, impresa ardua ma che con un disco come questo risulta molto più agevole. Grazie Esperanza!

Best Song of the Year

  • Cassandra Wilson – Red Guitar (selected by Alessandro)

Cassandra WilsonCassandra Wilson, per gli appassionati del jazz a 360 gradi, rappresenta un assoluto punto di riferimento, un vero simbolo imprescindibile; nel 2012 Cassandra Wilson ha un nuovo contratto discografico, e ha pubblicato un nuovo bellissimo album, “Another Country”, di cui il brano Red Guitar è il brano d’apertura, e anche la canzone che, già da alcuni mesi prima dell’uscita del disco, si poteva ascoltare in giro o nelle esibizioni live di Cassandra. La canzone ha un bel ritmo, trascinante e coinvolgente, una canzone dove la chitarra è lo strumento principale che guida letteralmente il brano, nota dopo nota; fondamentalmente è un bel brano blues, che cattura l’ascoltatore ad ogni ascolto.

  • Robert Glasper Experiment feat. Ledisi – Gonna Be Alright (F.T.B) (selected by Raheem)

Robert GlasperDopo “Best Album of the Year” mi trovo quasi obbligato, data la bellezza del brano in questione, ad assegnare anche l’award come “Best Song of the Year” al buon Robert Glasper, uno dei protagonisti assoluti del 2012. Il brano in questione è Gonna Be Alright (F.T.B.), uno dei tanti capolavori contenuti in “Black Radio”, inciso con lo splendido apporto vocale di una Ledisi in assoluto stato di grazia. Un brano di stampo neo soul sensuale e raffinato, che ha contraddistinto un 2012 super per il musicista e produttore statunitense.

  • Jeff Bradshaw feat. Marsha Ambrosius & TWyse – Got Til It’s Gone (selected by Yayo)

Jeff BradshawIl brano che ho scelto è tratto da “Bone Appétit” di Jeff Bradshaw. Album caratterizzato dal tipico sound cosiddetto “philly soul/jazz” di cui lo stesso Bradshaw è considerato un pioniere. Un disco a dir poco sorprendente: è una sorta di fusion tra neo soul e jazz. Assolutamente unico! Il brano che ho scelto è Got Til It’s Gone, dedicato alle vittime dell’uragano Katrina che nell’agosto del 2005 distrusse New Orleans e provocò più di 1800 vittime. Con questo brano Jeff Bradshaw ha anche fatto un’importante donazione alla “New Orleans Musicians Relief Fund” un’associazione che si propone di continuare a sostenere i musicisti e insegnare la musica ai più giovani, in particolare il jazz e il blues, in una città che è il fulcro della black music negli USA.

Frank OceanBest Male Artist

  • Donald Fagen (selected by Alessandro)
  • Frank Ocean (selected by Raheem)
  • Robert Glasper (selected by Yayo)

Best Female Artist

  • Eliane Elias (selected by Alessandro)
  • Conya Doss (selected by Raheem)
  • Esperanza Spalding (selected by Yayo)

IncognitoBest Group

  • Incognito (selected by Alessandro)
  • Incognito (selected by Raheem)
  • Incognito (selected by Yayo)

Best New Artist

  • Fatoumata Diawara (selected by Alessandro)
  • Michael Kiwanuka (selected by Raheem)
  • Hannah Williams & the Tastemakers (selected by Yayo)

Melody GardotBest Video of the Year

Best EP

  • Azealia Banks – 1991 (selected by Raheem)
  • Gary Clark Jr. – Bright Lights EP (selected by Yayo)

Big K.R.I.T.Best Mixtape

  • Raheem DeVaughn – Destination Loveland (selected by Raheem)
  • Big K.R.I.T. – 4evaNaDay (selected by Yayo)

Best Live

DweleBest R&B / Soul Album

  • Macy Gray – Talking Book (selected by Alessandro)
  • Frank Ocean – Channel Orange (selected by Raheem)
  • Dwele – Greater Than One (selected by Yayo)

Best Neo Soul Album

  • Meshell Ndegeocello – Pour une Âme Souveraine: a Dedication to Nina Simone (selected by Alessandro)
  • Robert Glasper Experiment – Black Radio (selected by Raheem)
  • Robert Glasper Experiment – Black Radio (selected by Yayo)

NasBest Hip Hop Album

  • Nas – Life Is Good (selected by Raheem)
  • Common – The Dreamer, The Believer (selected by Yayo)

Best Jazz Album

  • Cassandra Wilson – Another Country (selected by Alessandro)
  • Esperanza Spalding – Radio Music Society (selected by Raheem)
  • Ahmad Jamal – Blue Moon (selected by Yayo)

Hannah Williams & the TastemakersBest Funk Album

Best Reggae / Dancehall Album

  • Jimmy Cliff – Rebirth (selected by Raheem)
  • Beres Hammond – One Love, One Life (selected by Yayo)

NnekaBest African Album

  • Fatoumata Diawara – Fatou (selected by Alessandro)
  • Nneka – Soul Is Heavy (selected by Raheem)
  • Nneka – Soul Is Heavy (selected by Yayo)

Best Blues Album

Jackiem JoynerBest Gospel Album

  • Jackiem Joyner – Church Boy (selected by Alessandro)
  • Brian Courtney Wilson – So Proud (selected by Raheem)
  • Marvin Sapp – I Win (selected by Yayo)

Best Italian Album

  • Stefano “Cocco” Cantini – Out of This World (selected by Alessandro)
  • Gabriele Poso – Roots of Soul (selected by Raheem)
  • Mario Biondi – Due (selected by Yayo)

Best Movie

Annunci

3 thoughts on “Soulful Corner Awards – The Best of 2012

  1. Pingback: SC consiglia… The Impellers – Do What I Wanna Do / Signs of Hope & Happiness | Soulful Corner

  2. Pingback: Soulful TOP 15 [03.2013] | Soulful Corner

  3. Pingback: Soulful TOP 15 [11.2013] | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...