Kenny Dorham – Una Mas [1963]

Kenny Dorham

Kenny Dorham.

Kenny Dorham era un trombettista e compositore americano di musica jazz. Come per altri artisti di quel periodo, il suo nome non raggiunge mai la popolarità e la fama che sicuramente si sarebbe meritato.

E nonostante le prestigiose esperienze musicali, a fianco di nomi piuttosto noti all’epoca, sentir parlare di Kenny Dorham non era una cosa molto comune; e, purtroppo, non lo è nemmeno oggi, sebbene la critica di settore, in tempi recenti, lo abbia giustamente riqualificato come una figura fondamentale nel panorama jazz degli anni ’50 e ’60.

Una figura importante, quindi, sicuramente come musicista, visto che, oltre ad aver realizzato una quantità di album a suo nome, tra cui si contano almeno un paio di assoluti capolavori (“Afro-Cuban” del 1955 e “Una Mas” del 1963, entrambi pubblicati per l’etichetta Blue Note), sono numerose le sue partecipazioni ad importanti album di altri musicisti; una delle più prestigiose collaborazioni sicuramente è quella col sassofonista Joe Henderson; infatti, nella prima metà degli anni ’60, partecipa come ospite alla registrazione di alcuni storici album di Henderson, tra cui “Page One” e “Our Thing” sono probabilmente i più significativi.

Kenny Dorham è stato una figura importante anche come compositore; la sua musica è caratterizzata da atmosfere puramente bop, uno stile molto in voga negli anni ’50 e  ’60, ma spesso conferiva alle sue composizioni un tocco esotico, che ricorda molto da vicino, in alcuni casi, la musica brasiliana; non è un caso, infatti, che alcuni brani di Kenny Dorham, tra cui la bellissima Blue Bossa (contenuta proprio in “Page One” di Joe Henderson), siano diventati veri e propri classici, riproposti, sia in passato sia in tempi più recenti, da importanti musicisti brasiliani e non solo. Un’altra importante e famosissima composizione di Kenny Dorham si intitola Una Mas, anche questa ormai diventata uno standard; una bella versione di questo brano è stata registrata dalla cantautrice e pianista brasiliana Eliane Elias nel suo album del 2011, Light My Fire; e “Una Mas” è anche il titolo di uno degli album più belli di Kenny Dorham, di cui vorrei parlarvi oggi.

“Una Mas” è sicuramente il disco più importante di Kenny Dorham; è il disco che lo rappresenta più da vicino; il disco attraverso cui è possibile cogliere il valore della sua arte e capire, al di là di ogni pregiudizio, l’importanza di questo artista. Un disco fresco, autentico, genuino, che scorre via velocemente e inevitabilmente richiede un altro ascolto, per non perdere nemmeno un secondo di questa meraviglia, nel caso fosse sfuggito qualcosa; e i musicisti che sono protagonisti di queste canzoni danno tutti il massimo per la riuscita del progetto; accanto a Kenny Dorham alla tromba, troviamo, al sassofono, Joe Henderson, inseparabile compagno di avventure per la prima metà degli anni ’60; un giovane Herbie Hancock al pianoforte, Butch Warren al contrabbasso e Tony Williams alla batteria sono gli altri musicisti di questo quintetto.

Kenny Dorham & Joe Henderson

Kenny Dorham e Joe Henderson. Photo by Francis Wolff ©

Fra Kenny Dorham e Joe Henderson c’è una magica intesa, un’alchimia spirituale che è percepibile in ogni canzone. Proprio in questi anni, la collaborazione tra i due musicisti ha dato vita ad alcuni progetti che rimangono pietre miliari del jazz di ogni tempo, benchè spesso dimenticati da ascoltatori più distratti; gli album di Joe Henderson precedentemente citati e “Una Mas” sono i meravigliosi frutti di questa collaborazione. Il disco si apre proprio con la canzone che dà il titolo all’album, sicuramente il pezzo forte di tutto il lavoro; parlando di questa canzone, Kenny Dorham affermò che «You can switch to almost any kind of feeling when you’re improvising on this; from bossa nova to blues»; ed è proprio il commento più calzante per questo brano: un misto di bop, blues e accenni brasiliani, in uno stile perfettamente riconoscibile, dopo i primi minuti di ascolto; la canzone procede con un andamento in crescendo, con un inizio decisamente rilassato, ma sul finale c’è una vera esplosione di entusiasmo, degli stessi musicisti coinvolti e ovviamente anche dell’ascoltatore. Un pezzo che rimane impresso a lungo, dove ogni musicista ci regala bellissime dimostrazioni di una grande classe.

Kenny Dorham - Una Mas

La copertina di “Una Mas”.

Se Una Mas è il pezzo forte del disco, la canzone Sao Paolo non è certo da meno; nel 1960 Kenny Dorham aveva visitato l’omonima città in Brasile durante un tour, per cui aveva, in quell’occasione, assorbito molto dell’atmosfera caliente di quel paese; e ascoltando Sao Paolo è possibile assaporare tutto questo: «The tune has an half bossa feeling and the other half is something else. Swing you can call it»; questa dichiarazione di Kenny Dorham, in merito alla canzone Sao Paolo, rappresenta lo spirito non solo di questo disco, ma più in generale di una parte della produzione di questo musicista. Un misto totalmente omogeneo di tante anime diverse, quindi atmosfere esotiche unite ad sonorità bop, swing, e molto, molto di più; e anche in questo caso siamo di fronte ad un brano da ascoltare con profonda attenzione, molte molte volte.

Il brano Straight Ahead è ancora una bellissima dimostrazione di questa magica alchimia tra Kenny Dorham e Joe Henderson; il ritmo, in questo caso, è più frenetico, più acceso, fra bellissimi e virtuosi assoli dei due leader e momenti di apparente quiete, in cui il pianoforte di Herbie Hancock riesce ad emergere in maniera più nitida; il tono aggressivo di Joe Henderson è in netto contrasto con il fraseggio fluido e morbido del pianoforte di Hancock; i due sembrano talvolta allontanarsi, in alcuni momenti, per poi riavvicinarsi nel passaggio successivo, ritrovando un totale equilibrio.

If Ever I Would Leave You è il brano conclusivo dell’album; si tratta di una ballata, che non riserva particolari sorprese e forse non trasmette alcun guizzo emotivo, ma si lascia piacevolmente ascoltare, e rappresenta l’epilogo di un album che riserva sicuramente alcuni preziosi gioielli; un album che forse necessita di un ascolto in più per essere apprezzato pienamente, ma che rappresenta un punto fermo nella produzione di Kenny Dorham. Muore nel 1972, a soli 48 anni, per una malattia ai reni. Ciò che rimane di Kenny Dorham, che vale come suo testamento artistico, è proprio “Una Mas”. Il suo album più bello. Buon ascolto.

Di seguito, alcuni brani tratti da “Una Mas”.

tracklist:

  1. Una Mas
  2. Straight Ahead
  3. Sao Paolo
  4. If Ever I Would Leave You

anno: 1963
label: Blue Note Records

Annunci

5 thoughts on “Kenny Dorham – Una Mas [1963]

  1. Pingback: …Bird Lives… | Soulful Corner

  2. Pingback: Joe Henderson – Page One [1963] | Soulful Corner

  3. Pingback: Tadd Dameron with John Coltrane – Mating Call [1957] | Soulful Corner

  4. Pingback: Art Taylor – A.T.’s Delight [1960] | Soulful Corner

  5. Pingback: Paul Chambers – Bass on Top [1957] | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...