Joyce Moreno feat. João Donato – Aquarius [2010]

Joyce Moreno

Joyce Moreno durante un concerto.

Joyce Moreno è una cantautrice e chitarrista brasiliana. Grazie a molte importanti e prestigiose collaborazioni con alcuni dei più noti artisti brasiliani, come Caetano Veloso e Vinicius de Moraes, e a numerosi splendidi album incisi dalla metà degli anni ’60, Joyce Moreno si è guadagnata una certa popolarità e una notevole stima, da parte del pubblico e anche di molti suoi colleghi; non è un caso, infatti, che Antonio Carlos Jobim, il padre della bossa nova, l’abbia definita come una delle migliori artiste di tutti i tempi.

Molte sue canzoni sono diventate veri e propri standard, e sono divenuti parte integrante del patrimonio musicale brasiliano; molti altri grandi artisti, come Milton Nascimento, Gal Costa e Maria Bethania, in passato ma anche in tempi più recenti, hanno rivisitato molti di questi classici, rivalutando quindi Joyce Moreno come un vero riferimento per la musica brasiliana nel mondo.

Nonostante questo, tuttavia, il nome di questa grande artista non ha mai conosciuto, almeno nel vecchio continente, un ampio riconoscimento e una grande attenzione, rimanendo quindi, purtroppo, piuttosto ai margini della scena musicale internazionale. Nella prima parte della sua carriera, per tutti gli anni ’70, Joyce Moreno (che inizialmente era conosciuta semplicemente come Joyce, nome che veniva usato per le sue pubblicazioni discografiche) realizza alcuni album, a fianco di numerosi altri musicisti, ma senza ottenere particolari riconoscimenti o apprezzamenti. Solo dagli anni ’80, in seguito alla pubblicazione di “Feminina”, nel 1980, riesce finalmente ad emergere dall’ombra, realizzandosi completamente come autrice e musicista; “Feminina” è un trionfo di bellezza, un disco vero, autentico, interamente concepito, voluto, partorito da un’artista nel pieno della sua maturità.

Joyce Moreno

Joyce Moreno. Photo by Andrea Possamai ©

Joyce Moreno è un’artista che preferisce non seguire le mode del momento, ma sceglie di rimanere fedele a se stessa. La sua musica, puramente e meravigliosamente acustica, senza contaminazioni, senza artifici, ha un ottimo sapore, in bilico tra la bossa nova tradizionale, il ritmo caliente e trascinante del Brasile, le dolci e romantiche ballate d’atmosfera; c’è tutto questo, nelle canzoni di Joyce Moreno; basta pescare a caso in uno dei suoi dischi per trovare un gioiello di inestimabile valore. E la sua voce, delicatissima, soave, sembra quasi accarezzare le musica che l’accompagna, senza eccessi o forzature.

Una svolta importante avviene verso la fine degli anni ’90, quando Joyce Moreno firma un contratto con l’etichetta discografica inglese Far Out. Questo passo rappresenta la possibilità di avere, di conseguenza, una certa notorietà anche in Europa, continente nel quale, fino ad ora, aveva avuto ben pochi riconoscimenti. Nel 1999 pubblica il disco “Hard Bossa”, il primo album di questo nuovo percorso e di una nuova proficua esperienza musicale; si, perchè gli album pubblicati per la Far Out sono universalmente riconosciuti come i suoi più belli e riusciti.

“Gafieira Moderna”, “Rio Bahia”, “Samba Jazz & Outras Bossas”, “Rio de Janeiro”, “Just a Little Bit Crazy”, “Tudo” sono altri fondamentali titoli di questo brillante momento; anche in questo caso troviamo molti validi musicisti, a fianco di Joyce Moreno; Tutty Moreno, suo marito ma anche produttore e batterista, è un valido compagno di viaggio, con il quale esiste una palpabile intesa ed una profonda alchimia, percecipile ad ogni nota; Dori Caymmi è un cantante e chitarrista che troviamo nel disco “Rio Bahia”, e l’elenco è davvero infinito. Il disco di cui vorrei parlarvi oggi si intitola “Aquarius”, del 2010, pubblicato dalla Far Out; uno dei dischi più belli di Joyce Moreno.

“Aquarius” è un disco realizzato in compagnia del pianista João Donato, già a fianco di Joyce Moreno in diverse altre occasioni, e di altri validi musicisti, tra cui Tutty Moreno alla batteria, Jorge Helder al basso, Jesse Sadoc alla tromba e Sadinho Morreira alle percussioni; ed il risultato è sicuramente di altissimo livello, e di gran classe; nessuna canzone finisce per diventare banale o scontata, ma appare sempre originale e brillante, anche dopo numerosi ascolti; anzi, diverse canzoni hanno quell’accattivante melodia che non si riesce a togliersi dalle testa, anche dopo un solo ascolto; è il caso di Chama o Donato, una delle più belle canzoni di questo album, o anche Amor Nas Estrelas, Tardes Cariocas e E Muito Mais, che sono alcuni imperdibili punti di forza dell’album.

Joyce Moreno feat. Joao Donato - Aquarius

La copertina di “Aquarius”.

Ci sono un paio di classici appartenenti al passato, che brillano di una vera e splendida luce propria; la celebre Feminina è una delle più famose canzoni di Joyce, mentre Amazonas 2 è un trionfo di delicatezza; questo brano evoca una serie di meravigliose immagini nell’ascoltatore, mentre il pianoforte di João Donato appare delicatamente in sottofondo.

Caymmi Visita Tom è una bellissima canzone, dal ritmo lento ma molto appassionato, che introduce la successiva Xango e da Bae, dai ritmi molto più accesi e brillanti; ed è impossibile restare fermi. Questo disco ha qualcosa che riesce a trasportare chiunque lo ascolti in un mondo parallelo, dal magico sapore brasiliano, molto caliente e trascinante.

L’introduttiva No Fundo do Mar è la canzone adatta a farci assaporare, per qualche istante, ciò che troveremo più avanti, e questo disco non potrebbe avere un inizio migliore; la lenta Luz da Cancao è un altro brano che finisce per suscitare forti emozioni, anche dopo ripetuti ascolti; João Donato duetta con Joyce Moreno in alcune canzoni, e la sua partecipazione conferisce sicuramente un tocco di classe, come possiamo notare nella bella E Passa o Carrossel; Aquarius è un brano strumentale, composto da João Donato, che forse non aggiunge nulla alla già nutrita lista dei capolavori che costituiscono questo disco, pur essendo comunque un brano gradevole.

Una caratteristica fondamentale di queste canzoni è, probabilmente, l’immediatezza, la capacità di entrare nella testa dell’ascoltatore grazie ad un’accattivante melodia o ad un virtuoso accompagnamento; tutto nella massima semplicità, senza stucchevoli artifici. Forse è proprio questa la filosofia di questa grande cantautrice e chitarrista. Cercare di trasmettere emozioni, le sue emozioni, con canzoni vere, vive, appassionate, vissute. E con “Aquarius” ci è riuscita perfettamente. Buon ascolto.

Nel video qui di seguito Joyce Moreno e João Donato presentano il disco “Aquarius”.

I video seguenti sono invece alcune canzoni da “Aquarius”:

tracklist:

  1. No Fundo do Mar
  2. Amor Nas Estrelas
  3.  Amazonas 2
  4. Guarulhos Cha Cha Cha
  5. Caymmi Visita Tom
  6. Xango e da Bae
  7. Luz da Cancao
  8. Feminina
  9. Aquarius
  10. E Passa o Carrossel
  11. E Muito Mais
  12. Tardes Cariocas
  13. Chama o Donato

anno: 2010
label: Far Out Recordings

sito ufficiale: joycemoreno.com

Annunci

2 thoughts on “Joyce Moreno feat. João Donato – Aquarius [2010]

  1. Pingback: Soulful SummerVibes 2014 | Soulful Corner

  2. Pingback: Joyce Moreno live @ Blue Note, Milano [27-04-2013] | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...