Living Coltrane Quartet live @ Teatro Nazionale, Quarrata (PT) [17-01-2014]

Living Coltrane Quartet live @ Teatro Nazionale, Quarrata (PT)

Il Living Coltrane Quartet sul palco del Teatro Nazionale. Da sinistra: Francesco Maccianti, Stefano Cantini, Ares Tavolazzi e Piero Borri.

Venerdì 17 gennaio, al Teatro Nazionale di Quarrata, in provincia di Pistoia, ho avuto l’immenso piacere di assistere al concerto di un quartetto di musicisti toscani, ideatori di un progetto musicale denominato Living Coltrane; l’obiettivo è quello di offrire un tributo ad uno dei protagonisti del jazz di ogni epoca, un assoluto maestro, emblema di uno stile, di un sentimento, di movimento culturale e musicale, ovvero il grande sassofonista John Coltrane.

I musicisti che, da alcuni anni, portano avanti questo coraggioso e ambizioso progetto, costituiscono, appunto, il Living Coltrane Quartet.

Stefano Cantini è il leader e ideatore di questo progetto; sassofonista e compositore toscano, con diverse esperienze alle spalle e vari riconoscimenti da parte di critica e pubblico, individua in John Coltrane un’imprescindibile fonte di ispirazione, di sensazioni e di emozioni; Stefano Cantini ripropone le composizioni di Coltrane in una versione contemporanea, personale, estremamente ricca di sensibilità; riesce a farle proprie, a ripercorrerle con uno stile riconoscibile e di enorme fascino.

Gli altri elementi di questa formazione sono tre musicisti toscani, che accompagnano Stefano Cantini in questo magnifico viaggio; Piero Borri è un batterista che vanta numerose esperienze e collaborazioni con alcuni importanti musicisti, in Italia e all’estero, oltre che un’intensa attività didattica in prestigiose scuole di musica toscane. Ares Tavolazzi è un contrabbassista che ha lavorato, in passato, con alcuni cantautori italiani, conducendo parallelamente un’importante attività jazzistica in giro per il mondo, che dura ancora oggi. Francesco Maccianti è un pianista e compositore, dallo stile elegante ed intenso, apprezzato da molti anni per la sue performance live, per le collaborazioni prestigiose e per la sua attività didattica.

Il Living Coltrane Quartet è caratterizzato da una totale alchimia che lega indissolubilmente i quattro elementi. L’amore per il jazz e per John Coltrane è probabilmente il collante che tiene insieme il tutto e riesce a rendere superlativa ogni nota, ogni sussurro che vengono prodotti da questi musicisti. Il feeling è totale, l’armonia è palpabile in ogni secondo. E nel concerto che ho avuto il piacere di vedere, tutte queste meraviglie si sono palesate, manifestate al meglio.

Living Coltrane Quartet live @ Teatro Nazionale, Quarrata (PT)

Un altro momento del concerto.

Il concerto si apre con un brano inedito, una nuova composizione del pianista Francesco Maccianti, che farà parte di un album di prossima uscita; il brano è caratterizzato da atmosfere delicate, che introducono meravigliosamente la serata e preparano il pubblico alle bellezze che verranno presentate durante il concerto.

Syeeda’s Song Flute, composizione di John Coltrane appartenente al capolavoro “Giant Steps” del 1960, è proposta in una bellissima versione, molto brillante, in cui ogni musicista ci offre uno spaccato delle proprie capacità; ogni nota sembra sofferta, voluta, amata; la partecipazione, il coinvolgimento, l’interplay appaiono al massimo livello possibile, senza cali di tensione. Il concerto, dalla prima all’ultima canzone, è un continuo ed inarrestabile crescendo di emozioni.

Il successivo I Want to Talk about You, composto da Billy Eckstine, è un brano contenuto nel più recente lavoro del quartetto, “Out of This World”, uscito nel 2012. Il brano viene eseguito con estrema delicatezza, senza eccessi, ma piuttosto con una totale armonia; non possiamo identificare un vero leader, ma sembra che ogni musicista, qui più che altrove, abbia un ruolo da protagonista; è la magia di questa serata raggiunge, a questo punto, livelli di assoluta grandezza.

Afro Blue è sicuramente uno dei pezzi più belli del concerto; le parole per definire la bellezza di questa interpretazione al momento mi sfuggono; una versione che definirei maestosa, imponente; qualcosa che rimane impresso nella mente per parecchio tempo, una volta che i toni si sono placati e si è ricostituita una quiete di fondo; un brano vivo, dove ognuno dei quattro protagonisti sembra intraprendere un cammino solitario, per poi inevitabilmente ritrovarsi, e poi ancora perdersi, all’infinito.

Living Coltrane Quartet - Living Coltrane

La copertina del primo album del Living Coltrane Quartet.

Durante Afro Blue possiamo apprezzare un magico assolo del pianista Maccianti, che ci regala alcuni minuti di pura magia, in completa solitudine; Ares Tavolazzi, col suo contrabbasso, appare immensamente coinvolto e concentrato nella performance, e anche il batterista Piero Borri ci regala momenti di assoluto splendore. Un brano di forti, fortissime emozioni.

Bessie’s Blues e India sono altre due composizioni di John Coltrane, che vengono riproposte in bellissime interpretazioni, ricche di improvvisazioni, accattivanti assoli, molta energia e un incalzante ritmo di fondo; Stefano Cantini sempre al centro del palco, circondato dagli altri musicisti, tra cui regna un magico affiatamento; bastano pochi sguardi per raggiungere una totale intesa; in molte occasioni Stefano Cantini abbandona il palco per lasciare che siano i suoi compagni di viaggio a vivere la magia di quel momento.

Say It (Over and Over Again) è una splendida ballata, che appare quasi necessaria, dopo il fuoco e l’energia delle due precedenti esecuzioni; i toni sono gradevolmente soffici e delicati, ma ancora per poco; il brano che chiude il concerto è una delle più celebri canzoni interpretate da Coltrane e contenuta nel celebre album omonimo; quindi My Favorite Things viene eseguita con fervore, calore, energia, coinvolgimento di ogni singolo membro presente sul palco; e non avrei potuto desiderare una conclusione migliore per questa serata.

Il Living Coltrane quartet ha pubblicato due album; il primo, intitolato “Living Coltrane”, è del 2011, mentre il secondo, “Out of This World”, è del 2012; entrambi sono stati pubblicati su etichetta Egea. Ed entrambi sono fortemente consigliati.

Annunci

2 thoughts on “Living Coltrane Quartet live @ Teatro Nazionale, Quarrata (PT) [17-01-2014]

  1. Pingback: Soulful TOP 15 [10.2015] | Soulful Corner

  2. Pingback: Soulful TOP 15 [11.2015] | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...