Mulatu Astatke & Step Ahead live @ Auditorium Flog, Firenze [27-09-2014]

Mulatu Astatke & Step Ahead live @ Auditorium Flog, Firenze

Mulatu Astatke, al centro del palco, e, dietro di lui, il batterista Jon Scott.

Il festival Musica dei Popoli è una rassegna, giunta alla XXXIX edizione, che comprende una serie di concerti, ma anche spettacoli di danza e recitazione, interamente dedicati alla conoscenza, allo studio e alla diffusione delle culture musicali del mondo. Gli artisti, i protagonisti di questa manifestazione, sono i veri portavoce delle tradizioni dei loro paesi di origine, da ogni angolo della terra.

La rassegna si svolge a Firenze, presso l’Auditorium F.L.O.G. (Fondazione Lavoratori Officine Galileo); il calendario 2014 vede, tra gli ospiti, il vibrafonista, percussionista e tastierista etiope Mulatu Astatke, accompagnato dal suo attuale gruppo, gli inglesi Step Ahead, una formazione costituita da alcuni dei più importanti musicisti della scena jazz europea.

Un bellissimo concerto, ricco di passione e anima, a cui ho avuto il piacere di assistere e di cui vorrei parlarvi.

Mulatu Astatke è un musicista originario dell’Etiopia, il principale esponente dell’ethio-jazz, ovvero un tipo di musica che fonde la tradizione culturale e musicale etiope con la musica latino-americana, il funk e il jazz contemporaneo; con i suoi strumenti, il vibrafono, le percussioni e le tastiere, riesce a creare un sound estremamente coinvolgente e brillante, una musica ricca di improvvisazione, di nuove idee, di grande energia.

Mulatu Astatke - Sketches of Ethiopia

La copertina di “Sketches of Ethiopia”.

Una carriera costellata da alcune importanti collaborazioni, tra cui vorrei ricordare la partecipazione al tour in Etiopia di Duke Ellington e la sua band, nel 1973. Più recentemente Mulatu Astatke realizza un intero album con la formazione The Heliocentics, album in cui vengono riproposti alcuni dei brani originali di Mulatu in chiave elettronica, quindi in una veste più moderna e contemporanea.

L’ultimo lavoro realizzato da Mulatu Astatke si intitola “Sketches of Ethiopia”, un disco che vede la collaborazione con il gruppo inglese Step Ahead; “Sketches of Ethiopia”, pubblicato nel 2013 dalla prestigiosa label francese Jazz Village, è un disco innovativo, pieno di ritmo, di anima e di calore, punto di arrivo di una crescita artistica e professionale che consacra, oggi, Mulatu Astatke come una figura fondamentale del panorama musicale contemporaneo.

Il concerto che si è svolto presso l’Auditorium F.L.O.G. di Firenze, come era facile aspettarsi, è stato una vera e propria festa. Al centro del palco Mulatu Astatke è il protagonista assoluto, circondato dai suoi strumenti, il vibrafono, le percussioni e una tastiera; intorno a lui, gli altri musicisti affollano il palco, in un insieme perfettamente omogeneo, dove ogni musicista costituisce un tassello fondamentale e non separabile da tutto il resto.

Byron Wallen alla tromba e James Arben al sassofono, clarinetto e flauto, sono due musicisti che, con le loro acrobazie musicali, hanno letteralmente incantato il pubblico. Ian Burdge al violoncello e Neil Charles al contrabbasso, creano un piacevole e delicato sottofondo alla musica ben più energica degli altri strumenti, ma non sono mancati momenti in cui è stato possibile apprezzarli singolarmente.

Mulatu Astatke & Step Ahead live @ Auditorium Flog, Firenze

Da sinistra, Ian Burge, Neil Charles e Mulatu Astatke.

Alexander Hawkins è il pianista estremamente virtuoso, che offre uno stile ricco di improvvisazione e di incredibile energia, immerso anima e corpo nel suo strumento. Il batterista Jon Scott ed il percussionista Richard Olatunde Baker sono gli altri due geniali musicisti che hanno accompagnato il protagonista, Mulatu Astatke, attraverso questo meraviglioso viaggio musicale, per una serata davvero indimenticabile.

La serata inizia in un tripudio di luci e colori. Mulatu Astatke osserva gli altri musicisti che suonano intorno a lui, con uno sguardo da cui emerge una grande intesa; passa agilmente dal vibrafono, il cui suono appare piuttosto delicato ed uniforme, alle percussioni, che invece emergono in modo molto più imponente su tutto il resto; una piccola tastiera è uno strumento, forse, leggermente fuori luogo in un contesto totalmente acustico, tuttavia non risulta mai eccessivamente stucchevole.

La serata è impreziosita, fino all’inverosimile, dalla presenza del trombettista Byron Wallen e del sassofonista James Arben; entrambi danno prova di una grandezza e di una bravura inimmaginabili; molti i duetti tra i due, mentre il resto dei musicisti rimane in disparte, emettendo solo deboli suoni; quasi un dialogo tra i due musicisti, che, proprio in quegli stessi istanti, si osservano, ammirandosi e apprezzandosi a vicenda.

Mulatu Astatke & Step Ahead live @ Auditorium Flog, Firenze

Byron Wallen alla tromba e James Arben al sassofono.

Il batterista Jon Scott ci regala magici momenti in solitudine, soprattutto nei brani più lenti e delicati, ma forse è il percussionista Richard Olatunde Baker che, nel fuoco dell’esibizione e nei brani, al contrario, più accesi e virtuosi, emerge in modo molto più imponente; dalle sue percussioni si solleva un’energia ed una forza a dir poco impressionanti.

Ian Burdge, con il suo violoncello, ci regala spesso momenti da vero protagonista, in alcune performance molto intime; accanto a lui il contrabbassista Neil Charles ha un aspetto davvero imponente ma il suono del suo strumento, al contrario, appare piuttosto rilassato.

Brani lenti e melodici, ricchi di atmosfera e dolcezza, alternati a brani molto brillanti e infuocati, in una continua alternanza; e, al centro di tutto questo, Mulatu Astatke è, costantemente, il protagonista principale; non tanto per l’imponenza dei suoni prodotti dai suoi strumenti, ma piuttosto per l’atteggiamento da vero leader, o piuttosto guida spirituale di tutti i musicisti sul palco.

Alla fine del concerto, il pubblico, estasiato e meravigliato da tanta bellezza, saluta con calore Mulatu Astatke e i suoi Step Ahead, lasciandoci il ricordo di una splendida serata.

Di seguito il video di un brano, registrato durante il concerto, e disponibile nel nostro canale YouTube.

Annunci

2 thoughts on “Mulatu Astatke & Step Ahead live @ Auditorium Flog, Firenze [27-09-2014]

  1. Pingback: Soulful TOP 15 [11.2013] | Soulful Corner

  2. Pingback: Dobet Gnahoré live @ Auditorium Flog, Firenze [25-10-2014] | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...