Myles Sanko live @ Blue Note, Milano [19-03-2015]

Myles Sanko live @ Blue Note, Milano

La grinta di Myles Sanko. Photo by Claudio Romani ©

Myles Sanko è uno degli artisti emergenti più interessanti che il panorama soul abbia sfornato in questi ultimi anni! Il suo ultimo lavoro, l’album Forever Dreaming, è stato senza ombra di dubbio una delle pubblicazioni di maggior qualità dell’anno passato; un disco di assoluto valore che ho già avuto il piacere di recensire sulle pagine di Soulful Corner e che ha caratterizzato i miei ascolti musicali degli ultimi mesi.

Da qualche settimana Myles Sanko è impegnato in un prolifico tour, che lo sta portando a toccare svariati paesi e località in tutta Europa. Con mia grande gioia, anche l’Italia è stata scelta come meta di passaggio del tour europeo di Myles e della sua band, per un totale di ben 3 concerti. Le date italiane previste erano per l’esattezza il 19 marzo a Milano, sul prestigioso palco del Blue Note, il 20 marzo a Salerno, al Forte la Carnale, ed infine il 21 marzo in quel di Bari alla Corte di Torrelonga.

La serata a cui ho avuto il grande piacere di assistere è stata quella del 19 marzo al Blue Note Milano, locale di culto per gli amanti del jazz e del soul. Prima di parlarvi della serata milanese di Myles Sanko, è doverosa un’introduzione su questo bravissima artista, per coloro che lo conoscessero poco o non avessero ancora avuto modo di ascoltare la sua musica.

Soprannominato “The Lovechild of Soul Music” e ispirato da grandi nomi del soul e del funk americano, come Bill Withers, Otis Reeding, Al Green e James Brown, Myles ha iniziato la propria carriera musicale nelle vesti di vocalist e rapper, facendosi largo nella scena londinese. Negli anni seguenti la transizione da hip hop a soul e funk lo ha portato a militare in band come i Bijoumiyo ed a collaborare con il celebre gruppo degli Speedometer.

Myles Sanko live @ Blue Note, Milano

Myles Sanko e la sua band sul palco del Blue Note Milano. Photo by Claudio Romani ©

Il debutto ufficiale da solista di Myles Sanko è piuttosto recente e risale al 2013 grazie all’EP “Born in Black & White”, un disco di sette tracce ricche di funk e soul, che ha permesso al cantante londinese di imporsi come nuova promessa della scena soul britannica, ricevendo un più che positivo riscontro sia da parte degli addetti ai lavori che dei semplici fans.

Dopo essersi esibito in location prestigiose come il Blue Note di Tokyo, e i britannici Jazz Café e Ronnie Scotts, Myles ha realizzato nel settembre del 2014 il suo secondo lavoro in studio, nonché primo album in assoluto! “Forever Dreaming”, questo il titolo del suo ultimo disco, è un album composto da undici brani in bilico tra classic soul e ritmi maggiormente funk, pubblicato dall’etichetta Légère Recordings in Europa e dalla P-Vine Records in Giappone.

Nel disco emerge prepotente l’indiscutibile classe di Myles, capace, grazie alla sua voce graffiante e cristallina, di passare con maestria da melodiche ballate ad irresistibili pezzi carichi di groove. Le tracce presenti nel disco colpiscono direttamente al cuore, a partire dai singoli Forever Dreaming e My Inspiration (il cui video ufficiale è stato pubblicato da pochi giorni e che trovate in fondo a questo articolo), passando per pezzi ricchi di soul come Shooting Star, Save My Soul e To My Surprise.

“Forever Dreaming”, i cui fondi sono stati in parte raccolti tramite la piattaforma di crowd-funding PledgeMusic.com, si rivela l’album della consacrazione di Myles Sanko, un disco di assoluta bellezza che ci mostra un artista ricco di talento.

Con queste premesse il concerto di Myles al Blue Note si prospettava un evento assolutamente imperdibile! La serata inizia puntualmente poco dopo le 21.00, con il Blue Note quasi completamente gremito in ogni suo spazio. Myles Sanko giunge sul palco con un completo nero molto elegante, preceduto dalla sua band, composta da 6 validissimi elementi, Rick Hudson alla batteria, Tiago Coimbra al basso, Tom O’Grady alle tastiere, Phil Stevenson alla chitarra, Neil Penny alla tromba e Gareth Lumbers al sax.

Myles Sanko live @ Blue Note, Milano

Myles Sanko aka The Lovechild of Soul Music. Photo by Claudio Romani ©

Il concerto parte subito con grande energia sulle note di High on You, brano estratto dal suo EP d’esordio “Born in Black & White” e continua con Shooting Star, pezzo dal mood simile contenuto nel suo “Forever Dreaming”. Due brani carichi di groove che contribuiscono a rendere subito elettrizzante e calda l’atmosfera all’interno del Blue Note, mostrandoci fin da subito la bravura di Myles nel proporre musica dal vivo.

Successivamente si passa ad atmosfere più intime e romantiche grazie alla bellissima ballata “My Inspiration”, che ci rivela il lato più soulful del buon Myles, sempre più a suo agio sul palco del Blue Note. Durante la serata c’è spazio anche per alcune cover di grandi classici del passato, introdotte al pubblico grazie ad un simpatico siparietto; Myles finge di aver con se una borsa da cui “estrae” ogni volta i dischi che hanno influenzato e formato il suo background musicale, proponendoci le sue eleganti reinterpretazioni.

La prima cover che Myles ci regala è una spettacolare versione di Lovely Day, superclassico di Bill Withers datato 1977. Le altre cover proposte nel corso della serata sono Take Me to the River, grandioso pezzo del reverendo Al Green, ed infine Mercy Mercy Me (The Ecology) dell’indimenticato Marvin Gaye, in assoluto uno dei momenti più emozionanti della serata. Tre pezzi fantastici, risalenti agli anni ’70, che Myles reinterpreta con totale devozione e grande bravura, ottenendo un caloroso riscontro da parte del pubblico milanese.

La serata continua in bilico tra soul e funk, con altri brani contenuti nei suoi due lavori solisti, pezzi come Don’t Let Me Down, Distant from You, Save My Soul, So Much Indeed, che contribuiscono a far decollare definitivamente il concerto. La padronanza del palco da parte di Myles Sanko è totale, sia dal punto di vista dell’esibizione musicale vera e propria, che dell’interazione con il pubblico, che ribattezzato per l’occasione dal cantante londinese “Milano Soul Choir”, viene coinvolto in prima persona nel brano Come on Home, con un risultato davvero suggestivo.

Myles Sanko live @ Blue Note, Milano

Un bel momento della serata milanese di Myles Sanko. Photo by Claudio Romani ©

Gli ultimi due brani che chiudono la serata milanese, prima del puntuale e doveroso bis finale, sono So Hard to Stop e Forever Dreaming, che suggellano in maniera esemplare il concerto! Poco dopo, acclamati dal pubblico, Myles e la sua band tornano sul palco per regalarci ancora qualche minuto di grande musica grazie al brano Goodbye Lady Goodbye, qui proposto in una bellissima versione extended in cui viene dato ampio spazio ad ogni singolo componente della band.

Un totale di 1 ora e 45 minuti di musica live per un concerto davvero fantastico, che ci mostra realmente tutto il talento cristallino di Myles, che dal vivo risalta in maniera ancor più evidente! Le mie aspettative per questo concerto, alla luce di quanto pubblicato recentemente da Myles Sanko, erano alte e sono state confermate in pieno, regalandoci una serata di grande musica e tanta adrenalina!

Per le bellissime immagini della serata, che potete apprezzare in questo articolo, ringraziamo il fotografo Claudio Romani, che ci ha gentilmente concesso il loro utilizzo; sulla sua pagina facebook trovate il set completo delle foto della serata, che catturano fedelmente l’energia e la passione di Myles Sanko sul palco del Blue Note.

Se volete approfondire ulteriormente la conoscenza di Myles Sanko vi segnalo una bella intervista all’artista britannico, realizzata dalla nostra amica Calamity Jade all’interno della trasmissione Minisonica, in onda su Radio Popolare il giorno precedente il concerto e disponibile in streaming su Mixcloud.

Nella speranza di rivedere presto Myles Sanko e la sua band impegnati in altri concerti nel nostro paese, rinnovo l’invito a scoprire la musica di questo fantastico artista procurandovi “Born in Black & White” e “Forever Dreaming”, due dischi assolutamente da non perdere che sapranno far breccia nel cuore di ogni appassionato di soul music!

Annunci

4 thoughts on “Myles Sanko live @ Blue Note, Milano [19-03-2015]

  1. Pingback: Myles Sanko – Forever Dreaming [2014] | Soulful Corner

  2. Pingback: Soulful Corner Awards – The Best of 2015 | Soulful Corner

  3. Pingback: Soulful TOP 15 [10.2016] | Soulful Corner

  4. Pingback: Soulful Corner Awards – The Best of 2016 | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...