Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE) [21-05-2015]

Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE)

I musicisti sul palco. Da sinistra: Nitai Hershkovits, Avishai Cohen, Daniel Dor. Photo by Tiziano Ghidorsi ©

Crossroads è un festival musicale, organizzato in collaborazione con Jazz Network e la Regione Emilia-Romagna, e che comprende una serie di concerti in varie località della regione. Vi abbiamo già raccontato del bellissimo concerto di Jeff Ballard, presso la Casa della Musica di Parma, sicuramente uno degli eventi più importanti del festival, che quest’anno è giunto alla XVI edizione.

Un altro evento di punta di questa manifestazione è stato il concerto del contrabbassista, cantante e compositore israeliano Avishai Cohen, che si è esibito la sera del 21 maggio presso il Teatro Asioli di Correggio (RE), nell’ambito di Correggio Jazz, parte della rassegna Crossroads.

Avishai Cohen è considerato uno dei più prestigiosi musicisti jazz contemporanei. Sono numerosissime le sue collaborazioni con alcuni giganti del jazz, come Chick Corea, Herbie Hancock, Bobby McFerrin e Roy Hargorve, sia in occasione di esibizioni live, sia per l’incisione di alcuni album in studio. Dalla fine degli anni ’90, Avishai Cohen ha pubblicato numerosi splendidi album, che lo vedono leader delle più svariate formazioni, a testimonianza della versatilità di questo grande musicista.

Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE)

Avishai Cohen. Photo by Tiziano Ghidorsi ©

In “Adama”, il primo album, pubblicato nel 1998, Avishai Cohen è accompagnato da molti musicisti, tra cui spiccano Danilo Perez, Jeff Ballard, Brad Mehldau, Don Alias e Chick Corea, quest’ultimo anche in veste di coproduttore; “Duende”, del 2012, è invece un disco in duo, realizzato in compagnia del pianista e compositore israeliano Nitai Hershkovits; “Almah”, del 2013, è un album in cui si fondono meravigliosamente jazz e musica classica.

Gli album di Avishai Cohen che ritengo più significativi sono quelli realizzati con formazioni ridotte, preferibilmente in trio; alcuni di questi album sono considerati capolavori assoluti del jazz contemporaneo; “Continuo” del 2006, “Gently Disturbed” del 2008, “Aurora” del 2009, “Seven Seas” del 2011, ed il recente “From Darkness”, pubblicato lo scorso febbraio, sono album in trio, e che vedono occasionalmente la partecipazione di altri importanti musicisti.

Il concerto che si è svolto presso il Teatro Asioli di Correggio ha visto Avishai Cohen esibirsi con il trio con cui è stato inciso “From Darkness”; il batterista Daniel Dor e il pianista Nitai Hershkovits sono i due musicisti che hanno accompagnato Avishai Cohen in questo meraviglioso viaggio musicale, per quello che è stato, indubbiamente, uno dei concerti più belli della mia vita.

Il Teatro Asioli è gremito di persone, in trepida attesa che l’evento tanto atteso abbia inizio; le luci si spengono e, sul palco, sopraggiungono i tre musicisti; Avishai Cohen si erge imponente al centro della scena, mentre Daniel Dor e Nitai Hershkovits sono poco distanti da lui, ai due lati del palco. La magia ha inizio.

Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE)

Avishai Cohen ed il batterista Daniel Dor, in un momento del concerto. Photo by Tiziano Ghidorsi ©

Beyond, brano tratto da “From Darkness”, apre il concerto. Emerge immediatamente il feeling e l’intesa che regnano fra i tre musicisti; il brano è ritmato, acceso, brillante, ricco di assoli prolungati e di parti molto virtuose.

Nel brano successivo, una nuova composizione, le atmosfere si placano dolcemente, e la delicata introduzione del pianoforte solitario finisce per arrivare diritta ai nostri cuori; lentamente anche gli altri musicisti si inseriscono nella performance, ma con un atteggiamento sempre molto discreto; Avishai Cohen appare ricurvo sul suo contrabbasso, mentre si esibisce, totalmente immerso e coinvolto nell’esibizione.

Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE)

Avishai Cohen, intensamente coinvolto nella performance. Photo by Tiziano Ghidorsi ©

La parte centrale del concerto riserva le sorprese più piacevoli della serata. Samuel, tratta da “Continuo”, è di toccante bellezza; ogni musicista tenta sporadicamente di emergere, in qualche virtuoso assolo, in un’incessante alternanza di energia e di quiete, in cui le acque si placano e negli istanti immediatamente successivi riprendono forza.

Le virtuose improvvisazioni del pianista Nitai Hershkovits sembrano interminabili, inarrestabili; solo Avishai Cohen tenta di ripristinare un certo ordine generale, imponendosi con il suo contrabbasso, mentre Daniel Dor si limita ad accompagnare dolcemente la performance degli altri due musicisti, in modo assolutamente non invadente.

Helelyah è un brano molto delicato, in cui Avishai Cohen ci delizia con numerosi assoli, mentre anche gli altri due musicisti mantengono un atteggiamento preferibilmente rilassato; il brano è un vero splendore, e ci trasporta verso la successiva Amethyst, altra perla della serata.

In questo brano, che, come il precedente, fa parte di “From Darkness”, Daniel Dor, virtuoso e splendido come sempre, ed il maestoso Avishai Cohen duettano per alcuni minuti, che avrei voluto fossero interminabili, tanta è la bellezza scaturita da questa performance in duo; un duetto particolarmente virtuoso, in cui è proprio Daniel Dor ad emergere, con grande maestria e impressionante bravura.

Ballad for an Unborn e C#-, ancora tratte da “From Darkness”, sono due capolavori; Ballad for an Unborn vede il contrabbasso di Avishai Cohen come un assoluto protagonista, maggiormente in evidenza rispetto agli altri strumenti, mentre non riesco a trovare la parole più adatte per descrivere la bellezza di C#-, meravigliosa canzone in cui, invece, è il pianista Nitai Hershkovits ad emergere in modo significativo, in numerosi assoli.

Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE)

Il pianista Nitai Hershkovits. Photo by Tiziano Ghidorsi ©

Momenti di toccante e commovente bellezza, che risultano difficili a trascriversi a parole. Four Verses, tratta da “Duende”, è molto delicata, con molte improvvisazioni del contrabbasso, mentre la successiva Lost Tribe, da “From Darkness”, è decisamente più accesa.

Improvvisamente le luci del palco si concentrano su Avishai Cohen, lasciando tutto il resto avvolto dall’oscurità; nei minuti che seguono, Avishai Cohen ci regala un fantastico assolo di contrabbasso, per introdurre uno dei brani più emozionanti del concerto, ovvero Seven Seas, tratto dall’omonimo album.

Questo è uno dei pezzi forti della serata. Il brano è un crescendo di intensità, per poi esplodere, dopo interminabili minuti, in un finale letteralmente da brivido. Seven Seas appare come un vero e proprio epilogo della serata, un brano in cui i tre musicisti ci regalano le ultime splendide emozioni, prima di lasciare il palco.

Ci sono stati offerti ben tre bis, in cui Avishai Cohen presenta alcuni brani, anche cantati, che ci trasportano verso la fine della serata. In uno scroscio interminabile di applausi, i tre musicisti abbandonano definitivamente il palco, lasciando, nei cuori dei presenti, un indelebile ricordo di una serata indimenticabile.

Si ringraziano Jazz Network ed il Teatro Asioli di Correggio, che ha ospitato questo evento. Un ringraziamento a Tiziano Ghidorsi, autore delle foto presenti nell’articolo.

Annunci

4 thoughts on “Avishai Cohen live @ Teatro Asioli, Correggio (RE) [21-05-2015]

  1. Pingback: Soulful TOP 15 [08.2012] | Soulful Corner

  2. Pingback: Soulful TOP 15 [03.2015] | Soulful Corner

  3. Pingback: Soulful TOP 15 [04.2015] | Soulful Corner

  4. Pingback: Soulful Corner Awards – The Best of 2015 | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...