Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR) [11-07-2016]

Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR)

Un’immagine di Carla Bley durante il concerto. Photo by Carlo Braschi ©

Parlare di Carla Bley, autrice, pianista, organista e direttore d’orchestra statunitense, significa ripercorrere gli ultimi 60 anni della storia del jazz. Una grandissima artista, che può vantare collaborazioni di spicco con alcuni dei più prestigiosi musicisti di ieri, e anche di oggi, e che ha realizzato, in veste di leader, molti lavori di assoluto prestigio.

È sufficiente ricordare alcune delle sue produzioni più significative per ribadire la grandezza di questo personaggio. “Escalator Over the Hill” è un’opera jazz, realizzata tra il 1968 ed il 1971, con musiche di Carla Bley, parole di Paul Haines, poeta e paroliere statunitense, ed interpretata dalla Jazz Composer’s Orchestra.

Il risultato di questa collaborazione è un misto omogeneo di stili molto diversi, come stilisticamente molto diversi sono i numerosi artisti protagonisti di queste musiche, comunque molto vicine al free jazz e all’avant-garde jazz, correnti molto in voga negli anni ’60, e anche negli anni successivi.

Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR)

Andy Sheppard e, sullo sfondo, Steve Swallow. Photo by Carlo Braschi ©

Sempre negli stessi anni Carla Bley collabora con il bassista Charlie Haden e la Liberation Music Orchestra da lui diretta, e per l’occasione compone ed arrangia alcuni pezzi per il celebre album “Liberation Music Orchestra”, realizzato nel 1969.

“The Lost Chords” è un disco dal vivo, pubblicato nel 2004, ed inciso in compagnia del bassista Steve Swallow, del sassofonista Andy Sheppard e del batterista Billy Drummond. Nel 2007, questo stesso quartetto, con la partecipazione del trombettista Paolo Fresu, realizza il bellissimo “The Lost Chords Find Paolo Fresu”, uno dei dischi jazz più eleganti e raffinati dell’ultimo decennio.

In tempi più recenti, il sodalizio artistico di Carla Bley con Andy Sheppard e Steve Swallow ha dato vita a due album, pubblicati per la prestigiosa etichetta Ecm, album che sono considerati indubbiamente due punti fermi della lunga discografia di questa grande pianista americana: “Trios”, del 2013, e “Andando el Tiempo”, uscito pochi mesi fa, sono i titoli di questi due imperdibili lavori.

Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR)

Steve Swallow. Photo by Carlo Braschi ©

I tre musicisti stanno girando l’Europa, in questi ultimi mesi, per promuovere il disco appena uscito, ma anche per riproporre alcuni classici del passato. Il loro tour ha fatto sosta a Terranuova Bracciolini, provincia di Arezzo, nell’ambito della rassegna Valdarno Jazz Festival, serata a cui ho avuto il piacere di assistere e che vi voglio raccontare.

Il concerto si è svolto in un’area all’aperto nei pressi di piazza Liberazione. Una location forse non proprio adatta per un concerto di questo livello e di questo genere, anche se l’acustica, nel complesso, era molto buona, e, data anche la lontananza da strade e dal traffico cittadino, abbiamo potuto goderci questo bellissimo concerto in totale tranquillità.

Un concerto bellissimo che, tuttavia, mi sento di definire piuttosto impegnativo. Impegnativo perché non si tratta di un jazz immediato e facilmente godibile, ma piuttosto di una musica che può richiedere più di un minuto, o più di una canzone, perché riesca a centrare il punto giusto del nostro animo ed a toccare le corde giuste del nostro cuore.

Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR)

Carla Bley ed Andy Sheppard. Photo by Carlo Braschi ©

Le sperimentazioni e le improvvisazioni di Carla Bley al pianoforte si fanno man mano sempre più intriganti, mentre Steve Swallow offre un delicato sottofondo con il suo basso. Andy Sheppard emerge in più di un’occasione come assoluto leader della serata, in momenti più o meno brillanti, mantenendo comunque un atteggiamento molto sobrio e per nulla invadente.

Sidewinders in Paradise apre la serata, sotto un cielo completamente stellato e nel magico silenzio della notte; il brano ha un andamento delicato, il pianoforte sembra semplicemente sfiorato, il basso procede in sottofondo, anch’esso delicatamente pizzicato, mente le timide incursioni di Andy Sheppard col suo sassofono non sembrano turbare minimamente l’atmosfera.

Copycat, composizione inedita di Carla Bley, è il successivo brano, che alterna sonorità notturne e malinconiche con ritmi ben più caldi; in questo caso sono Steve Swallow ed Andy Sheppard gli assoluti protagonisti di questa performance, dal sapore davvero delizioso.

Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR)

Steve Swallow. Photo by Carlo Braschi ©

Naked Bridges / Diving Brides, brano estratto da “Andando el Tiempo”, è assolutamente splendido; il brano ha un inizio piuttosto oscuro, che sembra evocare atmosfere di inquietudine e sofferenza, sebbene nei minuti successivi tutto sembra improvvisamente accendersi.

In questo brano Andy Sheppard si mantiene preferibilmente in disparte, mentre Carla Bley procede con una melodia che sembra provenire da molto lontano, tanta è la delicatezza che caratterizza questa particolare performance.

Steve Swallow esegue un assolo da brivido, mentre Carla Bley si insinua delicatamente tra le note. Il sopraggiungere di Andy Sheppard, assolutamente non atteso ma molto gradito, in questo caso riaccende l’atmosfera; la parte finale della canzone, particolarmente toccante, lo vede nuovamente protagonista; solo il suo sassofono al centro dell’universo. Magia pura.

La ballata The Lord Is Listening to Ya, Hallelujah non aggiunge nulla alla bellezza ammirata fino ad ora, ma la successiva Andando el Tiempo, tratta dall’ultimo bellissimo album omonimo, è un altro pezzo forte della serata.

Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR)

Carla Bley. Photo by Carlo Braschi ©

Andando el Tiempo è una lunghissima composizione, articolata in tre diversi momenti, che corrispondono ad altrettanti brani, ognuno dei quali rappresenta un diverso stadio del recupero dalla dipendenza. «It was written as I watched a friend go through the condition and come out the other end», scrive Carla nelle note di copertina del disco.

Sin Fin, il primo brano, rappresenta la presa di coscienza che le cure necessarie per il recupero totale generano una grande sofferenza, fino ad un livello insopportabile; le incessanti e grevi note del sassofono di Andy Sheppard, probabilmente, cercano di evocare questa particolare situazione di disagio.

Potación de Guaya rappresenta il dolore di coloro che sono vittime di questo dramma, mentre la parte conclusiva, Camino al Volver, lievemente più brillante e gioiosa, è legata al cammino e al duro lavoro per il ritorno ad una vita normale; il finale della canzone è un vero tripudio di suoni e di colori. Un brano di indescrivibile bellezza.

Andando el Tiempo giunge diritta ai nostri cuori; l’esecuzione, nelle sue tre diverse parti, rappresenta probabilmente il momento più bello della serata, che ricorderò per molto tempo.

La serata si conclude con la splendida Lawns, altro brano dal sapore magico, con un tema ricorrente che rimane impresso nella mente anche parecchi minuti dopo averlo apprezzato.

Si ringraziano Valdarno Jazz Festival ed Eventi Music Pool per l’organizzazione di questa bellissima rassegna. Si ringrazia Carlo Braschi per la gentile concessione delle foto presenti nell’articolo; altre foto sono presenti sulla pagina facebook del Valdarno Jazz Festival.

Annunci

One thought on “Carla Bley live @ Piazza Liberazione, Terranuova Bracciolini (AR) [11-07-2016]

  1. Pingback: Soulful Corner Awards – The Best of 2016 | Soulful Corner

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...