Soulful SummerVibes 2016

Soulful Summer Vibes 2016L’estate è ormai agli sgoccioli… ma non è mai troppo tardi per godersi un po’ di sana black music dal sapore fresco ed estivo, per passare al meglio queste ultime settimane di relax.

Come da tradizione di SC, ad agosto niente TOP 15 ma vi proponiamo la SummerVibes, una playlist di brani recenti e meno recenti, più o meno impegnativi, adatti alle spensierate atmosfere estive.

Come al solito non ci siamo risparmiati, e abbiamo accontentato tutti gli amanti della black music proponendo tutte le sfumature della nostra musica preferita! Quindi prendete la vostra bevanda fresca, mettetevi comodi e ascoltate (e leggete) la nostra playlist! Buona musica! Continua a leggere

Annunci

Soulful SummerVibes 2015

Soulful Summer Vibes 2015Si è vero negli ultimi mesi abbiamo pubblicato un po’ meno del solito, ma state tranquilli, non ci siamo dimenticati dei nostri fedeli lettori. E allora eccoci qui, anche in piena estate a farvi compagnia sotto il sole cocente, durante le nottate all’aperto sotto le stelle e durante i vari live estivi.

Come ormai tradizione ad agosto niente TOP 15 ma vi proponiamo una playlist di classici e non, adatti alle calde atmosfere dell’estate. Come sempre, abbiamo cercato di soddisfare tutti, abbiamo cercato in ogni epoca ed in tutto il mondo, spaziando dagli States, all’Africa, all’Europa e al Medioriente… non risparmiando davvero nessun genere: da grandi classici a nuove proposte, ad artisti meno conosciuti… SummerVibes 2015. Tutta per VOI!

Come al solito vi ricordiamo che potete ascoltare la nostra playlist anche direttamente dal nostro canale YouTube! Buona musica! Continua a leggere

Remembering Tupac Shakur… 16 years later

2Pac

Il sorriso contagioso di Tupac… indimenticabile.

«How many brothas fell victim to tha streetz
Rest in peace young nigga, there’s a Heaven for a ‘G’
be a lie, If I told ya that I never thought of death
my niggas, we tha last ones left
but life goes on…»

Quanta gente è caduta, vittima delle strade… quanta? La delinquenza, la violenza e i traffici illegali di stupefacenti, soprattutto negli anni 90 (ma ancora oggi) hanno mietuto numerose vittime, spesso giovanissime. Tupac Shakur, se vogliamo è stata una di queste vittime. Caduto in un agguato, a Las Vegas, teso da gente che non lo voleva più tra i piedi, gente che avrebbe fatto di tutto per togliere Tupac Shakur dal palcoscenico mondiale del rap. Continua a leggere

SC consiglia… 2Pac – I Ain’t Mad at Cha

Una settimana fa circa, ricorreva il 15° anniversario della morte di Tupac Shakur, avvenuta (?) a Las Vegas il 13 settembre 1996. Di Tupac sapete già, è considerato ancora oggi il miglior rapper mai esistito e la sua leggenda continua a vivere nei cuori degli appassionati di black music, in questo caso di hip hop.

2Pac - All Eyez on Me

“All Eyez on Me” del 1996… un album storico!

L’impatto mediatico che ebbe 2Pac sul mondo della musica non ebbe precedenti. Il suo modo di “rappare”, il suo stile da “cattivo e gentiluomo” conquistarono le folle di tutto il mondo. Ma quello che lo fece diventare ciò che è oggi Tupac per il rap è il suo uso della musica per denunciare situazioni di disagio sociale, raccontare storie di razzismo, di povertà per sensibilizzare le menti. Certo lo faceva secondo il suo modo di pensare, secondo lo stile “Thug Life”, ma comunque il messaggio era chiaro.

Il pezzo che vi propongo stasera è un pezzo tratto da quello che è uno dei migliori album della storia del rap, ovvero “All Eyez on Me” uscito nel 1996 poco dopo che Tupac uscì di prigione. È il primo doppio album della storia dell’hip hop e vinse ben 5 dischi di platino dopo solo 2 mesi dalla sua pubblicazione! Nel 1998 raggiunse i 9 dischi di platino! Pazzesco… Continua a leggere

In Memory of Tupac Shakur

«A coward dies a thousand death… A Soulja dies but once.»

2Pac

Tupac durante un’esibizione live.

Già lui non era un codardo, ha sempre lottato e si è sempre esposto in prima persona per le sue dichiarazioni e per i suoi problemi giudiziari. È la frase con la quale inizia If I Die Tonight, traccia iniziale di “Me Against the World”, uno degli album hip hop più belli di sempre… E lui ci morì quella notte, il 13 settembre di 14 anni fa. Tutto iniziò a Las Vegas, il 7 settembre 1996, quando era nella sua BMW nera con Suge Knight e viene raggiunto da 4 proiettili partiti da un’auto in corsa. Dopo 6 lunghi giorni di agonia viene dichiarato morto. Aveva 25 anni.

Non era la prima volta che Tupac subiva un attentato. Il 30 novembre del 1994, infatti, fu vittima di un’aggressione ad opera di alcuni rapper newyorkesi (che secondo 2Pac erano seguaci di Notorious B.I.G.), in uno studio di registrazione. Viene raggiunto da 5 proiettili e si finge morto. Quando i 2 tizi vestiti in tuta mimetica si allontanano, Shakur riesce a raggiungere l’ascensore e andare al piano superiore dove c’erano Biggie e Puff Daddy, che sono quasi sorpresi che 2Pac sia vivo, fingendo di non saperne nulla. Ma Tupac sopravvive miracolosamente e quando si rende conto della gravità delle sue ferite, l’unica cosa che dice ai due è «Oh shit! Roll me some weed!». Continua a leggere

Remembering Tupac Shakur

2Pac

Tupac Shakur (1971-1996)

Oggi, 13 settembre 2010, è l’anniversario della scomparsa di Tupac Shakur, uno dei più grandi rapper di sempre.

Il 7 settembre 1996, dopo un match di boxe tra Mike Tyson e Bruce Seldon a Las Vegas, 2Pac venne ferito da 4 proiettili. Morì in ospedale dopo sei giorni d’intensa agonia a causa delle gravi ferite riportate.

Erano le 4:03 del 13 settembre 1996 e Tupac aveva solo 25 anni. Ancora oggi le circostanze riguardanti la sua morte non sono state chiarite.

Soulful Corner, a distanza di 14 anni esatti dalla sua scomparsa, vuole rendergli tributo. Continua a leggere